Ventilazione Meccanica Controllata
Impianti Aeraulici Genova | Impianti Condizionamento Genova |  Ventilazione Meccanica Controllata

Ventilazione Meccanica Controllata

La ventilazione meccanica controllata è un sistema innovativo che permette il ricambio di aria negli ambienti, rendendo quella presente più salubre per l’uomo.

Vengono utilizzati recuperatori di calore ad alta efficienza, che immettono aria pulita nei locali ed estraggono quella viziata, garantendo il massimo comfort nei singoli ambienti, eliminando il problema delle muffe e ristabilendo la giusta quantità di CO2.

Si tratta della soluzione ideale per gli edifici nei quali, a causa del rumore o della polvere, le finestre restano quasi sempre chiuse, e di una necessità nata dal livello di ermeticità sempre maggiore degli edifici moderni (case passive ed in classe A), garantendo il benessere degli occupanti e la conservazione del valore dell’immobile. Inoltre, grazie al recupero del calore dall’aria di ripresa, il sistema fornisce aria che, oltre a essere sana, e  preraffreddata o preriscaldata a seconda della stagione.

Il nostro ufficio tecnico è in grado di fornire supporto sia in fase di progettazione che scelta della tipologia di impianto più adatta alle vostre esigenze.

 

Il decreto legge del 25/03, ampliato dalle ulteriori disposizioni del 10/04 u.s., indica  per tutte le attività professionali le misure da adottare per il contenimento del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro.

Tra le altre, si raccomanda la sanificazione delle aree di lavoro ed una adeguata areazione e ricambio d’aria, da effettuarsi nei seguenti modi:

Aumentare la fornitura d’aria e la ventilazione di scarico.

Negli edifici con sistemi di ventilazione meccanica sono consigliati tempi di funzionamento prolungati. Modificare gli orari dei timer di sistema per avviare la ventilazione un paio d’ore prima e spegnerlo più tardi del solito. Una soluzione migliore è persino quella di mantenere la ventilazione attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7, possibilmente con tassi di venti- lazione ridotti (ma non spenti) quando le persone sono assenti. Considerando una primavera con piccole esigenze di riscaldamento e raffreddamento, le raccomandazioni sopra riportate hanno penalità energetiche limitate, mentre aiuta- no a rimuovere le particelle di virus dall’edificio e a rimuovere le particelle di virus rilasciate dalle superfici.

Il consiglio generale è di fornire quanta più aria esterna sia ragionevolmente possibile. L’aspetto chiave è la quantità di  aria fresca fornita a persona.  Se, a causa dell’utilizzo intelligente del lavoro, il numero di dipendenti viene ridotto, non concentrare i dipendenti rimanenti in aree più piccole ma mantenere o allargare la distanza tra loro al fine di favorire l’effetto di pulizia della ventilazione.

I sistemi di ventilazione dei gas di scarico dei servizi igienici devono essere sempre tenuti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e assicurarsi che si crei una pressione insufficiente, soprattutto per evitare la trasmissione fecale-orale.

 

L’umidificazione e l’aria condizionata non hanno alcun effetto pratico

La trasmissione di alcuni virus negli edifici può essere limitata modificando la temperatura dell’aria e i livelli di umidità. Nel caso di COVID-19 questo non è purtroppo un’opzione in quanto il virus SARS-CoV-2 è abbastanza resistente ai cambiamenti ambientali ed è suscettibile solo per un’umidità relativa molto elevata superiore all’80% e una temperatura superiore a 30 ° C, che so- no non raggiungibile e accettabile negli edifici per altri motivi (ad es. comfort termico).

Piccole goccioline sotto interesse (0,5 - 10 micron) evaporeranno rapidamente sotto qualsiasi livello di umidità relativa (RH). I sistemi nasali e le mucose sono più sensibili alle infezioni con un RH molto basso del 10-20%, e questa è la ragione per cui a volte viene suggerita una certa umidificazione in inverno (fino a un livello di circa il 30%). Questa necessità indiretta di umidifi- cazione nel caso COVID-19 non è rilevante, tuttavia, date le condizioni climatiche in arrivo (da marzo in poi ci si aspetta un RH interno superiore al 30% in tutti i climi europei senza umidificazione).

Pertanto, non è necessario modificare i setpoint dei sistemi di umidificazione. Considerando la primavera che sta per iniziare, questi sistemi non dovrebbero comunque essere in funzione.

I sistemi di riscaldamento e raffreddamento possono funzionare normalmente poiché non vi sono implicazioni dirette sulla diffusione di COVID-19. Di solito, non è necessaria alcuna regolazione dei setpoint per i sistemi di riscaldamento o raffredda- mento.

Uso sicuro delle sezioni di recupero del calore

In determinate condizioni le particelle di virus nell’aria di ripresa possono rientrare nell’edificio. I dispositivi di recupero del

calore possono trasportare virus attaccati a particelle dal lato dell’aria di scarico al lato dell’aria di mandata attraverso perdite. Negli scambiatori di calore rotanti (comprese le ruote entalpiche) le particelle si depositano sul lato dell’aria di ritorno della superficie dello scambiatore di calore dopo il quale potrebbero essere risospese quando lo scambiatore di calore gira sul lato dell’aria di mandata. Pertanto, si consiglia di disattivare (temporaneamente) gli scambiatori di calore rotanti durante gli episodi SARS-CoV-2.

Se si sospettano perdite nelle sezioni di recupero del calore, la regolazione della pressione o il bypass possono essere un’opzione per evitare una situazione in cui una pressione più elevata sul lato di estrazione provocherà perdite d’aria sul lato di alimentazione.

La trasmissione di particelle di virus tramite dispositivi di recupero del calore non è un problema quando un sistema HVAC è dotato di un’unità a doppia bobina o di un altro dispositivo di recupero del calore che garantisce la separazione dell’aria al 100% tra ritorno e lato alimentazione.

Nessun uso di ricircolo

Le particelle di virus nei condotti di ritorno possono anche rientrare in un edificio quando le unità centralizzate di trattamento dell’aria sono dotate di settori di ricircolo. Si raccomanda di evitare il ricircolo centrale durante gli episodi SARS-CoV-2: chiudere gli smorzatori di ricircolo (tramite il sistema di gestione dell’edificio o manualmente). Nel caso in cui ciò comporti problemi con la capacità di raffreddamento o di riscaldamento, questo deve essere accettato perché è più importante prevenire la contami- nazione e proteggere la salute pubblica piuttosto che garantire il comfort termico.

A volte le unità di trattamento dell’aria e le sezioni di ricircolo sono dotate di filtri dell’aria di ritorno. Questo non dovrebbe essere un motivo per tenere aperti gli smorzatori di ricircolo poiché questi filtri normalmente non filtrano le particelle con virus in modo efficace poiché hanno efficienze standard e non efficienze HEPA.

Se possibile, anche i sistemi decentralizzati come i fan coil che utilizzano il ricircolo locale, devono essere spenti per evitare la risospensione delle particelle di virus a livello di ambiente (specialmente quando gli ambienti vengono utilizzati normalmente da più di un occupante). Le unità fan coil hanno filtri grossolani che praticamente non filtrano le particelle con virus. Se non è possibile spegnere, queste unità devono essere incluse nelle campagne di pulizia, perché potrebbero raccogliere particelle come qualsiasi altra superficie nella stanza.

E’ possibile inoltre applicare alle esistenti reti aerauliche, senza alcun bisogno di opere murarie, devices di ionizzazione bipolare, che oltre a migliorare il comfort percepito, per le loro qualità intrinseche sono da considerarsi SANIFICATORI, riducendo la quantità di particolato, muffe, virus e batteri naturalmente presenti nell’aria e sulle suppellettili.

La nostra azienda, può verificare lo stato di fatto dei vostri locali ed aiutarvi a scegliere la soluzione più idonea, consegnandovi il lavoro chiavi in mano, dalla progettazione all’esecuzione in opera.

 

 

vmc bagno cieco | recuperatore di calore vortice | obbligo vmc | vmc economica
comfort|confort|benessere|muffa|umidità|risparmio energetico
Scegli il benessere per la tua famiglia
Scambiatore di calore
scambiatore di calore a doppio flusso
casa passiva|vmc|ventilazione meccanica controllata|muffa|muffe|co2|risparmio energetico
vmv
casa passiva|vmc|ventilazione meccanica controllata|muffa|muffe|co2|risparmio energetico
casa passiva vmc
casa passiva|vmc|ventilazione meccanica controllata|muffa|muffe|co2|risparmio energetico
vmc
Recuperatore di calore alta efficienza
Recuperatore di calore alta efficienza
free cooling estivo | ventilazione meccanica controllata come funziona | vmc obbligatoria

Video

Climatique srl

Impianti di climatizzazione, condizionamento e aeraulica a Genova